Per info e segnalazioni:
sanmarino.geronimo it dimissiini-di-massa-crisi-di-governo-e-voto-anticipato-per-la-repubblica-del-titano-A49296 001 Max 29° Sabato 20 Luglio 2024
sanmarino.geronimo it dimissiini-di-massa-crisi-di-governo-e-voto-anticipato-per-la-repubblica-del-titano-A49296 002 Per info e segnalazioni: +39 3339968310 -
Politica 15:29 | 20/03/2024 - Repubblica San Marino

Dimissioni di massa, crisi di governo e voto anticipato sul Titano

Crisi di governo e voto anticipato per la Repubblica di San Marino. Ieri sera si sono dimessi in massa i consiglieri della 30/a legislatura, decretando di fatto, lo scioglimento del Consiglio Grande e generale, il parlamento della Repubblica.sanmarino.geronimo it dimissiini-di-massa-crisi-di-governo-e-voto-anticipato-per-la-repubblica-del-titano-A49296 002 Dire che non c'erano più i numeri per governare non basta a spiegare il perché anche questo Governo, l'ennesimo dal 2006, non sia giunto alla fine naturale del mandato. L'ultima volta volta si è votato a dicembre del 2019 e la maggioranza del Paese era ancora nelle mani del Pdcs, il partito democratico cristiano sammarinese, guidato da Luca Beccari. Ieri tutti i gruppi consiliari (Npr - Alleanza Riformista, Pdsc, Libera e Partito dei socialisti e dei democratici, Repubblica Futura e Rete) si sono dimessi e non è stata una sorpresa.
I primi scricchiolii si erano avuti a maggio del 2023 quando Rete aveva lasciato la compagine di Governo con le dimissioni di due ministri chiave, quello alla Sanità che aveva gestito tutto il periodo della pandemia, e quello degli Interni. Il successivo rimpasto all'Esecutivo aveva premiato Democrazia cristiana e Socialisti e democratici con un dicastero in più a testa. Una tregua fredda, non senza malcontenti, per alcune scelte di Governo come quella sulla riforma delle norme sulle società e quello sulla fiscalità in particolare le "residenze fiscali non domiciliate" sono sembrate a molti delle forzature. Uno stallo che si è protratto fino alla scelta dei prossimi Capitani Reggenti (i capi di stato senza poteri esecutivi, che stanno in carica un semestre), Alessandro Rossi e Milena Gasperoni, per il mandato che parte il primo aprile prossimo.
Per la loro elezione la maggioranza di Governo è andata sotto e la Reggenza che partirà sarà di garanzia. Peserà sulle future elezioni, che potrebbero tenersi entro a 2 mesi, l'accordo di associazione con l'Unione europea sul quale la democrazia cristiana punta il tutto per tutto.